19.6.2019 su “Le parole e i corpi” di Maria Luisa Boccia

boccia_parole_corpi-miniatuMercoledì 19 giugno 2019 alle ore 18,00 presso il Centro di documentazione e studi delle donne, a Cagliari, in via Falzarego 35, si terrà il prossimo incontro del Gruppo di lettura condivisa.
Si riprenderà e si concluderà il confronto  sul libro di Maria Luisa Boccia, Le parole e i corpi. Scritti femministi, Ediesse, 2018 e si porteranno le proposte per la scelta del prossimo libro di cui condividere la lettura.

Per adesioni, inviare una mail dal modulo Contatti

13.3.2019 – Incontro sul tema “Cambio di civiltà. Punti di vista e di domanda” in Sottosopra 2018

13-03-2019_Banner

Mercoledì 13 marzo 2019 ore 18 – Sala Eleonora D’Arborea Via Falzarego 35 – 37 Cagliari

Presentazione e discussione del numero della rivista SOTTOSOPRA, dedicato al tema Cambio di civiltà, punti di vista e di domanda.

Parteciperanno: Annalisa Diaz, Maria Giovanna Piano, Giulia Biggio, Pia Brancadori, Luisa Cocco, Luisa Milia, Rita Podda, Luisa Salis

Sottosopra Cambio di civiltà, punti di vista e di domanda  – Libreria delle donne di Milano 2018
. Lia Cigarini La battaglia della narrazione
. Giordana Masotto Il lavoro ha bisogno di femminismo
. Alessandra Bocchetti Le altre. Monologo contro la legalizzazione della prostituzione
. Luisa Muraro Le parole per dirlo: BORN NOT MADE
. Il libro di Rachel Moran: un capolavoro del partire da sé

L’iniziativa è organizzata in collaborazione con l’IFOLD, Istituto di Formazione e Lavoro Donne di Cagliari.

8.9.2017 – “Femminismo fuori sesto” incontro con Chiara Zamboni

08-09-2017_A4-01
Dalla quarta di copertina:

Il femminismo, come tutto ciò che è vivo, nasce e rinasce tante volte. È come un serpente che cambia pelle, si trasforma, nella ostinazione a creare e portare a maturazione gli squilibri, perché lì c’è emergenza di reale. Non ha mai teso a una differenza sessuale armonizzante. Gioca piuttosto nello scarto tra l’uno e il due, tra ricerca di sé e apertura all’altro, facendo leva sulle asimmetrie simboliche, non pacificanti, sul dissesto, come pertugio per cui può avvenire altro. È così che sa tracciare nuove vie. È un movimento che non viene realizzato da politiche definite, progetti a breve o lungo termine. È eccedente. Allo stesso tempo la scommessa femminista non può fare a meno della politica.